Università del Salento

Collegamenti ai contenuti della pagina:
unisalento-theme-il-contenuto-pagina
Il menu di navigazione
Motore di ricerca
Area Riservata
Accessibilità






unisalento-theme-contenuto-della-pagina [Inizio pagina]

Il messaggio del Preside

 

Cari Studenti,
la Facoltà di Economia dell’Università del Salento, nonostante abbia una storia relativamente breve (con il Preside Adamo nell’a.a. 2006/2007 si sono celebrati i venti anni dalla costituzione), persegue una mission ben precisa: formare professionalità in linea con le tradizioni degli studi aziendali, con lo sguardo sempre diretto a cogliere le costanti evoluzioni della società e dei mercati, cercando di vitalizzare ed essere un punto di riferimento per il Territorio.
Credo, infatti, che l’Università, al pari di qualsiasi altra “organizzazione”, viva e si sviluppi nel contesto di riferimento, ovvero nel Territorio su cui insiste, traendo ed al contempo fornendo a quest’ultimo fonti di interazione.

Nel corso degli anni, in conseguenza delle riforme ministeriali, la Facoltà di Economia ha vissuto rilevanti trasformazioni della propria offerta formativa, che oggi vede l’esistenza di due corsi di laurea triennale e tre corsi di laurea magistrale.
Il livello qualitativo complessivo offerto dalla didattica può definirsi assolutamente positivo, come dimostrato dagli evidenti e significativi risultati raggiunti confermati, a titolo esemplificativo, dal rapporto dell’Ufficio Statistiche e Controllo di gestione del nostro Ateneo (su indicatori utilizzati nella metodologia adottata da Il Sole 24 Ore per classificare gli Atenei Italiani), secondo cui nell’a.a. 2008/09 la nostra Facoltà ha raggiunto il 3° posto; inoltre, secondo dati CENSIS relativi all’a.a. 2010/11, la nostra Facoltà ha raggiunto il 2° posto in Ateneo.
L’apprezzamento del costante impegno profuso dal corpo docente, tanto dal punto di vista professionale, quanto umano, credo sia rinvenibile, anche, nell’elemento cardine della nostra Facoltà: la popolazione studentesca, sempre più numerosa, ed il suo livello di soddisfazione. Difatti, la media degli studenti iscritti alla Facoltà di Economia si è attestata, negli ultimi anni, intorno a 650 immatricolati per le lauree triennali (con un rapporto di circa 70% di studenti nella laurea triennale aziendale e 30% in quella economico-quantitativa) e circa 250 immatricolati per le lauree magistrali (con una preferenza di circa l’85% verso i corsi di laurea di area aziendale).
In particolare, nell’a.a. 2014-15 si è registrato un incremento delle preiscrizioni pari al 21% in un clima di generale calo delle stesse. Tale circostanza viene intesa come un segnale di fiducia che ci viene attribuita dai nostri studenti e dalle loro famiglie in virtù della quale saremo impegnati ancor di più a migliorare il nostro operato.
Dal monitoraggio del livello di soddisfazione generale dei nostri studenti risulta, inoltre, un dato in linea con la media del dato complessivo di Ateneo, in cui è possibile leggere la capacità di ascolto e di attenzione rivolta ai nostri studenti; a ciò si aggiunge un elemento che credo sia un fiore all’occhiello per la nostra Facoltà, ovvero i nostri numerosi giovani laureati che ricoprono posizioni lavorative di prestigio nel contesto nazionale ed internazionale.

Con tali premesse e convinzioni, cari Studenti, intendo portare avanti le responsabilità che derivano dal mio ruolo, considerando come priorità principale la ricerca di consonanza fra l’offerta formativa della nostra Facoltà e le mutevoli variazioni della domanda di lavoro, con l’auspicio che la vostra formazione diventi un presupposto imprescindibile per una collocazione nel mercato del lavoro che vi gratifichi e consenta alle imprese di beneficiare della vostra professionalità.
Questa è una sfida per l’intera Facoltà di Economia, la quale, attraverso la sua capacità di interrelarsi positivamente (secondo una logica win-win) con l’ambiente socio-economico su cui insiste, è anche impegnata a concretizzare formule di collaborazione da realizzare durante il percorso di studio (tramite tirocini e stage curriculari), grazie alle quali stimolare percorsi di approfondimento di tematiche manageriali che la quotidianità degli accadimenti aziendali talvolta non consentono di realizzare.

Con l’augurio di un proficuo e gratificante percorso di studi, Vi saluto caramente.
Prof. Amedeo Maizza


Data ultimo aggiornamento: 17.02.2017